Editoriali

Ott 31 2014

LO SCONTRO TRA POLIZIA E OPERAI TISSEN E’ GRAVE “NEO” DEL GOVERNO RENZI

Pubblicato da Categorie Editoriali

scontriNon avremmo mai voluto assistere a scontri di piazza tra onesti lavoratori e altrettanto onesti operatori della polizia di Stato.
È un brutto segnale per tutta la società e non solo per la classe politica.
Non c’è nemmeno da rallegrarsi per lo scontro in atto tra il PD o il Governo e la CGIL, perché esso riflette una crisi profonda della società italiana figlia della crisi economica che in Europa ancora morde e che non sembra rallentare.
I giovani, come certificano oggi ISTAT e SVIMEZ, sono ormai senza speranza di poter lavorare onestamente e possono essere influenzati da gruppi estremisti che pullulano nel nostro Continente e in Italia anche dalla criminalità organizzata.
Tutto questo può portare a sommovimenti di portata imprevedibile anche nel nostro paese.
Il Governo deve passare dalle parole ai fatti in breve tempo. Ma i fatti si devono misurare in termini di crescita di posti di lavoro e non soltanto di provvedimenti che erogano finanziamenti a pioggia basati su aumento reale delle tasse.

Commenti disabilitati su LO SCONTRO TRA POLIZIA E OPERAI TISSEN E’ GRAVE “NEO” DEL GOVERNO RENZI
Ott 12 2014

AURELIO MISITI – GIÀ PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SUPERIORE DEI LAVORI PUBBLICI “LA PROTEZIONE DEI CITTADINI E DELLE COSE SI REALIZZA PRIMA DELL’ALLUVIONE”

Pubblicato da Categorie Editoriali

alluvione 1“LA PROTEZIONE DEI CITTADINI E DELLE COSE SI REALIZZA PRIMA DELL’ALLUVIONE”

Come previsto la stampa, la politica, le istituzioni, la chiesa sono a caccia dei responsabili del disastro ligure e non si avvedono o non comprendono che responsabili sono anche loro stessi.alluvione
Manca la cultura della modernità in tutti noi. Altrimenti capiremmo che la Natura non va violentata, come si fa ogni giorno senza reazione di alcuno. Quando la Natura si riprende il “suo” imprechiamo e andiamo alla ricerca del fantomatico colpevole.
Ribadiamo ancora una volta che le cause vanno ricercate nella scarsa cultura delle classi dirigenti del passato, che hanno consentito l’occupazione dei letti dei torrenti, impedendo il deflusso delle acque quando superano le portate medie storiche. Gli ostacoli vanno rimossi anche se non del tutto, in quanto occorrerebbe una demolizione di edifici generalizzata. Essi possono essere in parte risparmiati intervenendo a monte della città, dove si possono realizzare casse di espansione artificiali per ridurre le portate superiori a quelle che il torrente attualmente smaltisce.
I costi di tali interventi sono notevoli ma sempre inferiori ai danni provocati dall’alluvione.
Come dire: è sempre meglio prevenire che curare.

Commenti disabilitati su AURELIO MISITI – GIÀ PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SUPERIORE DEI LAVORI PUBBLICI “LA PROTEZIONE DEI CITTADINI E DELLE COSE SI REALIZZA PRIMA DELL’ALLUVIONE”
Ott 11 2014

MISITI – ALLUVIONE DI GENOVA: COLPA DELLA BUROCRAZIA?

Pubblicato da Categorie Editoriali

alluvione GenovaE’ allarme per la Liguria in tutti gli ambienti della società italiana. La stampa denuncia l’incuria, le colpe della burocrazia, quelle della protezione civile, dei politici e delle istituzioni tutte. Fra una settimana la notizia sarà in ventesima pagina, fra un mese non ci sarà più. Il Governo nazionale ha altro da pensare, la Regione pure, il Comune aiuterà i cittadini a riparare i danni, i genovesi si lamenteranno, Grillo combatterà contro il terzo valico e così la vita continua in Liguria. La cultura e la politica devono darsi una mossa per capire le vere cause del periodico disastro e individuare bene le responsabilità. Le cause sono individuabili e visibili: in tutta la Liguria e in molte altre regioni italiane con orografia analoga storicamente i popoli hanno scelto di abitare accanto ai corsi d’acqua per poter scaricare in essi i propri rifiuti liquidi e solidi. Negli ultimi 100 anni queste scelte sono state avallate dalle autorità comunali e poi regionali con piani regolatori, licenze edilizie e concessioni, che non hanno rispettato le esigenze dei corsi d’acqua, invadendo i letti , le golene e spesso anche le casse naturali di espansione. Quindi il torrente in piena invade il costruito nel proprio spazio di competenza.

alluvione Genova 1Per trovare le responsabilità dei ritardi negli interventi di mitigazione che la tecnica dispone in presenza di notevoli finanziamenti non si possono seguire scorciatoie accusando i Tar o la cattiva burocrazia, in quanto questi non possono non applicare la legge. Qui sta il punto. Il Tar va abolito: si dice e non si fa; le norme che consentono all’impresa perdente in un appalto di bloccare il cantiere con un semplice ricorso si aboliscano o si modifichino salvaguardando la prosecuzione dell’opera. Questo non lo fa la burocrazia ma lo fanno il Governo e il Parlamento. A Genova e in molte altre città italiane la mitigazione sopra citata, per attuarla, occorre molto coraggio. Vanno demoliti molti edifici costruiti nelle zone di competenza dei torrenti e per ognuno di essi realizzare piccoli invasi a monte come casse di espansione per contenere le piene ed evitare così la rabbia del torrente. Ma gli interessati che dicono? Aspettano la manna o si rimboccano le maniche per risolvere il problema alla radice? La classe dirigente genovese mi sembra all’altezza.

Commenti disabilitati su MISITI – ALLUVIONE DI GENOVA: COLPA DELLA BUROCRAZIA?
Set 27 2014

MISITI: DE MAGISTRIS AL CAPOLINEA

Pubblicato da Categorie Editoriali

LUIGI DE MAGISTRISRicordo l’ex PM quando nel 2003 mi ha ricevuto per chiarimenti su fatti a me ignoti e invece mi ha fatto capire che lo scopo del colloquio era quello di “scavare” sull’attività del presidente della Giunta, suo nemico acerrimo in magistratura. Non sono caduto nel tranello e tutto finì lì.
Successivamente egli si è avvicinato a “Italia dei valori” e ha convinto Di Pietro a candidarlo alle europee e poi a sindaco di Napoli. Nel frattempo si è impegnato in prima persona per candidare Callipo a presidente della regione Calabria, il che ha impedito la rielezione di Loiero, da lui ingiustamente indagato. Oggi la verità viene a galla: De Magistris e’ condannato a un anno e tre mesi per reati commessi durante l’indagine così detta Why Not.
Come deputato europeo ha conseguito magri risultati, come sindaco anche più magri. Ma il peggio l’ha commesso in magistratura e le sentenze di assoluzione di quasi tutti gli imputati lo dimostrano.
E’ noto che le sue inchieste non hanno mai portato a condanne con sentenze definitive, tanto che alcuni osservatori pensano addirittura che egli abbia lavorato da pubblico ministero solo per preparare la sua discesa in politica.
Oggi la legge Severino impone al sindaco di Napoli di andare a casa e lasciare la poltrona. Ma, in contrasto netto con quanto egli ha sostenuto in passato, non accetta il dettato della legge e dichiara candidamente “si dimettano quei giudici, si guardino allo specchio e provino vergogna”.
Il prefetto di Napoli si faccia sentire!

Commenti disabilitati su MISITI: DE MAGISTRIS AL CAPOLINEA
Set 22 2014

MISITI – RENZI A SILICON VALLEY PENSI ALLA CREATIVITÀ DEL SUD

Pubblicato da Categorie Editoriali

Matteo Renzi

Matteo Renzi

Cambiare le regole del lavoro ha senso solo se ha come obbiettivo principale lo sviluppo del SUD e quindi dell’intero Paese. Renzi ha potuto constatare direttamente che i giovani italiani emigrati a Silicon Valley, hanno esportato il prodotto del loro lavoro fatto in Italia, quasi tutti del SUD. Migliaia di giovani preparati che riescono a sviluppare il software in Italia perché gli ingegneri italiani sono più preparati degli stessi americani. Essi, hanno detto chiaramente al Premier che lavorano con l’ organizzazione in USA e i cervelli in SUD Italia. Perché non fare tutto in Italia?
Due sono le ragioni di fondo:
mancanza in Italia e in particolare al SUD della banda larga,che servirebbe a diffondere enormemente le attività economiche e una burocrazia e una tassazione asfissianti.
Allora caro Presidente, ascolti quello che ti hanno detto oggi a S. Francisco e operi di conseguenza.
Essi hanno detto: In Italia non abbiamo grandi manager ma abbiamo i migliori ingegneri che, se supportati come lo sono qui, possono realizzare in Italia e specialmente al SUD le multinazionali che essi riescono a realizzare qui.

Commenti disabilitati su MISITI – RENZI A SILICON VALLEY PENSI ALLA CREATIVITÀ DEL SUD
Set 20 2014

MISITI – OTTIMA RISPOSTA DI RENZI ALLA CGIL – FARE PASSO PRO-SUD

Pubblicato da Categorie Editoriali

Matteo Renzi

Matteo Renzi

La replica del Presidente Renzi alle proteste della CGIL e anche della minoranza PD rappresenta una novità assoluta nel panorama politico italiano degli ultimi anni. Il tabù dell’intoccabilità dello statuto dei lavoratori e in particolare dell’articolo 18 sembra essere cancellato proprio dal Presidente-segretario del PD. Vedremo come andrà alla Camera, dove gli ex CGIL del PD, hanno sempre contrastato ogni iniziativa tendente a favorire i senza lavoro per appoggiare i garantiti. Essi hanno bocciato nella precedente legislatura una risoluzione tendente a promuovere lo sviluppo del SUD attraverso una rivisitazione del contratto nazionale di lavoro.
Adesso, visto il coraggio di Renzi nel modificare lo Statuto, sarebbe auspicabile che Egli facesse ancora un passo avanti, inserendo il tema della modifica dei contratti nazionali per incentivare lo sviluppo del SUD.
Tale modifica consiste nel dividere il contratto nazionale in due parti:
la parte giuridica uguale in tutti i contratti mentre la parte economica da contrattare a livello regionale, per tener conto della reale situazione economica e sociale dei territori; il che porterà a un consistente abbattimento del costo del lavoro.
Ciò consentirebbe al SUD, ovviamente isolando la malavita organizzata, di attrarre investitori italiani ed esteri per usufruire dei vantaggi contrattuali.

Commenti disabilitati su MISITI – OTTIMA RISPOSTA DI RENZI ALLA CGIL – FARE PASSO PRO-SUD
Ago 27 2014

MISITI – MIGLIORARE LA POLITICA DEL GOVERNO SULLA CRISI

Pubblicato da Categorie Editoriali

Pier Carlo Padoan

Pier Carlo Padoan

“Risparmieremo su tutto” – dice il ministro Padoan al Corriere della Sera – sono parole indicative di una linea di politica economica di corto respiro, che apporterà modesti e temporanei contributi reali al superamento della crisi economica in atto.
Ovviamente il Ministro qualche ragione ce l’ha, se è vero che consistenti sprechi nella pubblica amministrazione sono sotto gli occhi di tutti.
Ma essi rappresentano una parte secondaria nel bilancio dello Stato; i rimanenti risparmi possono rivelarsi controproducenti in quanto possono deprimere le entrate dell’Erario. Il vero importante tema e’ proprio quello delle maggiori entrate dello Stato, che sono strettamente connesse alla ripresa economica. Questa si ottiene solo con l’aumento della domanda interna e di quella esterna, che per fortuna e’ cresciuta negli anni della crisi, come dimostrano i dati della nostra bilancia commerciale. Leggi Tutto »

Commenti disabilitati su MISITI – MIGLIORARE LA POLITICA DEL GOVERNO SULLA CRISI
Ago 18 2014

MISITI – E’ AL VIA LO SCARICO DI RENZI?

Pubblicato da Categorie Editoriali

Matteo RenziPiero Ostellino ha scritto sul Corriere della Sera di ieri un violentissimo articolo contro il Presidente del Consiglio.
La domanda sorge spontanea: e’ cominciata la demolizione di Renzi?
L’ex direttore del giornale milanese dice senza peli sulla lingua: “Il ragazzotto e’ talmente abituato a confondere il fare col dire che lui stesso è prigioniero delle proprie chiacchiere”. E più avanti parla di due casi limite che rivelano “in che mani siamo finiti”, e più oltre scrive di “uno sprovveduto finito in un posto più grande di lui..”. E’ una bocciatura assoluta. In questi casi si può pensare a una sortita personale, ma trattandosi del più “importante” giornale italiano e di un giornalista di primo piano non si può non pensare a uno schieramento molto ampio che condivide quel giudizio.
Gli osservatori vanno alla ricerca del perché dell’attacco, ma brancolano nel buio.
A noi sembra quantomeno prematuro un simile giudizio. Va dato più tempo, perché alcune cose le ha fatto mentre altre sono in itinere magari accelerato rispetto ai precedenti tentativi di riformare il paese. Perciò aspettiamolo al varco del primo anno; dopo di che lo portiamo in trionfo oppure lo mandiamo a casa.

Commenti disabilitati su MISITI – E’ AL VIA LO SCARICO DI RENZI?
Ago 15 2014

Misiti – Renzi a Reggio: ha lasciato qualche messaggio?

Pubblicato da Categorie Editoriali

Renzi a Reggio (gazzettadelsud.it)

Renzi a Reggio
(foto gazzettadelsud.it)

La visita di Renzi a R C è stata una toccata e fuga nell’ambito di una giornata-vacanza nel Mezzogiorno d’Italia. A Reggio – scrivono le agenzie- ha detto due cose: le elezioni regionali si terranno il 12 ottobre; ha assicurato, tramite Finmeccanica, per adesso la sopravvivenza delle officine Omeca. Nel clima di tagli alle spese sarebbe stato meglio un twitter o un SMS al Presidente Talarico e uno alla Stasi. Spero comunque che, sorvolando lo Stromboli fumante, abbia guardato anche alla sua sinistra per osservare il grande movimento nel Porto di Gioia Tauro. Qualcuno gli avrà ricordato che quel sito con l’andirivieni di containers costituisce il più importante impianto industriale della Regione e che potrebbe diventare il più grande dell’intero Mezzogiorno? Questo non è dato sapere! Sappiamo però che l’uomo si documenta prima ed è abbastanza decisionista. Probabilmente sapeva dell’operazione in corso contro i narcotrafficanti e ha così deciso di rinviare l’incontro con una realtà, la più positiva per le casse della Regione e per l’occupazione. Il porto richiede massima attenzione da parte governativa: con una governance adeguata, di grande professionalità al vertice, sostenuta da un Governo che sappia sfruttare le immense potenzialità tramite FF SS, Gioia Tauro, come minimo, può triplicare la sua attuale performance. Sarebbe un vero fiore all’occhiello per un Premier, accusato in modo frettoloso di parlare molto e realizzare poco.

Commenti disabilitati su Misiti – Renzi a Reggio: ha lasciato qualche messaggio?
Ago 14 2014

MISITI – LA GERMANIA STA SPINGENDO L’EUROPA IN UN VICOLO CIECO

Pubblicato da Categorie Editoriali

euroLA POLITICA RIGORISTA TEDESCA NON FUNZIONA PIU’ NEMMENO PER LA GERMANIA. LO DIMOSTRANO I DATI NEGATIVI SULL’ECONOMIA TEDESCA DI QUESTI GIORNI. E’ FINITA LA FASE IN CUI GLI ALTRI PAESI ARRETRAVANO E LA GERMANI CRESCEVA.
SI E’ APPIATTITA TUTTA L’EUROPA PERCHE’ LA GLOBALIZZAZIONE VEDE ALTRI MERCATI FIORIRE NONOSTANTE LA CRISI. PAESI COME LA CINA, L’INDIA, IL BRASILE, LA RUSSIA RIPUDIANO LA RIDUZIONE DELLE SPESE A VANTAGGIO DELLE ENTRATE. ECCO PERCHE’ CRESCONO! QUANDO NON RIESCONO A ESPORTARE RICORRONO ALLA RISERVA STRATEGICA DEI MAGGIORI CONSUMI INTERNI.
LA QUALCOSA E’ PIU’ FACILE PER LORO, IN QUANTO BASTA ALLARGARE LA PLATEA DEI CONSUMATORI TIPO IL PERMESSO DI VIVERE IN CITTA’ AI CINESI CONTADINI. L’EUROPA E GLI USA NON HANNO VALVOLE DI SICUREZZA SIMILI MA, MENTRE GLI USA BASANO LA LORO ECONOMIA SU UN LIBERALISMO SPINTO, L’EUROPA OSCILLA TRA QUESTO E IL DIRIGISMO ASSOLUTO, NORMANDO ANCHE LA LUNGHEZZA DELLE BANANE. IN PIU’ SPERIMENTA UNA MONETA SENZA STATO DI RIFERIMENTO, ANCHE SE MOLTI CONSIDERANO L’EURO UN MARCO SOTTO FALSO NOME. LA MERKEL DEVE PRENDERE ATTO CHE L’EFFETTO DEL MARCO-EURO E’ AL TERMINE COME PURE L’EFFETTO GERMANIA EST PUNTAVA SULL’AUSTERITA’ CHE ALLA LUNGA NON FA VIVERE PIU’ DI RENDITA L’INDUSTRIA ALEMANNA.
CHE FARE?
SCEGLIERE TRA IL DECLINO CONTINUANDO COSI’ O DIVENTARE PIU’ FEDERAZIONE DI STATI CON L’ECONOMIA E LA DIFESA CONCENTRATE A BRUXELLES E CON LA BANCA CENTRALE DI PARI POSSIBILITA’ DELLA FEDERAL RESERVE.
L’ITALIA CON IL SUO SEMESTRE PUO’ DIRE LA SUA SE HA IL CORAGGIO.

Commenti disabilitati su MISITI – LA GERMANIA STA SPINGENDO L’EUROPA IN UN VICOLO CIECO
« Precendente - Successivo »