Lug 28 2016

LA RICETTA PER LE GRANDI OPERE

Pubblicato da Categorie INTERVISTA

da il QUOTIDIANO DEL SUD 28 LUGLIO 2016

MISITI 28-07-16

MISITI 1MISITI 2

Commenti disabilitati su LA RICETTA PER LE GRANDI OPERE

Lug 26 2016

Al vaglio del Ministero delle Infrastrutture il progetto di Misiti

Pubblicato da Categorie Editoriali

Il Quotidiano del Sud 26 luglio 2016
MISITI MISITI 1

A3

Commenti disabilitati su Al vaglio del Ministero delle Infrastrutture il progetto di Misiti

Lug 14 2016

Messaggio al Sindaco per l’Ottantesimo anniversario dell’autonomia del Comune di Melicucco

Pubblicato da Categorie Eventi

ottantesimo di melicuccoEgregio Architetto,
Impegni presi in precedenza mi impediscono di essere presente alla sobria manifestazione del 14 luglio, ottantesimo anniversario dell’autonomia del nostro comune. La cerimonia di allora, alla presenza del Ministro dei LL.PP. COBOLLI GIGLI e del Direttore Generale DOMENICO ROMANO, nostro cittadino illustre, ha mostrato il grande

Comune di Melicucco

Comune di Melicucco

interesse che si attribuiva in quel tempo al raggiungimento dell’autonomia locale. L’evento ha dato dignità comunale a una piccola e operosa frazione di contadini e braccianti, che ben meritavano questo premio. La presenza di un membro del Governo è stata possibile grazie all’impegno del nostro illustre concittadino Domenico Romano, divenuto poi Senatore e Ministro dei LL PP.
Oggi la tendenza alla separazione non esiste più, anzi si ritiene più importante l’unificazione dei comuni per ragioni economiche e sociali.
La Calabria è stata antesignana, unificando tre grossi paesi in una città: Lamezia Terme.

L’esperimento ha avuto un grande successo, arricchendo quella Piana sia economicamente che culturalmente.
Lì è nato l’aeroporto, il nodo ferroviario e autostradale, nonché l’agricoltura fiorente con un discreto sviluppo industriale.
Noi, nella nostra Piana abbiamo un potenziale enorme di sviluppo in ogni campo, ma il più importante ha luogo nei trasporti con il grande porto nato senza città.

Salvatore Valerioti Sindaco di Melicucco

Salvatore Valerioti Sindaco di Melicucco

Noi dobbiamo impegnarci a sostenere lo sviluppo del porto creando la sua città con i 33 comuni della Piana nell’ambito della più ampia Città Metropolitana.
Ciascun comune deve salvaguardare la sua autonomia nel sociale ma sostenere l’aggregazione dei comuni per diventare in tempi brevi una delle zone più dinamiche e ricche del Mezzogiorno. In questo quadro Melicucco, come in un passato recente, puo’ essere il centro promotore dello sviluppo del territorio della Piana.
L’Ottantesimo va visto quindi come inizio di un processo ben più ampio della semplice visione comunale per contribuire alla rinascita del nostro SUD, fondata non più sull’assistenza ma sul lavoro intellettuale e manuale dei suoi operosi cittadini. Buon anniversario.
Aurelio Misiti

Commenti disabilitati su Messaggio al Sindaco per l’Ottantesimo anniversario dell’autonomia del Comune di Melicucco

Nov 23 2015

Il Viceministro Nencini e il Sud

Pubblicato da Categorie Editoriali

riccardo_nencini

Riccardo Nencini

Premetto di condividere complessivamente le risposte e le indicazioni date dal viceministro durante la riunione della giunta di Finco del 19 novembre u.s., voglio solo soffermarmi sulla questione Gioia Tauro da me sollevata e trattata dal viceministro Nencini. Ho apprezzato l’esempio calzante delle vicissitudini dei prodotti dell’Ikea, che giungono come elementi da assemblare sulle grandi navi al porto di Gioia Tauro, trasferiti sul navi più piccole vanno al porto di Genova.
Vengono poi messi su tir e portati nel grande centro di Piacenza per l’assemblaggio.Da qui, facendo il percorso inverso, tornano come prodotti finiti a Gioia Tauro da dove partono per le innumerevoli destinazioni finali. Tutto questo si potrebbe evitare utilizzando il treno e risparmiando così otto giornate di viaggio. Ma come si arriva a Piacenza si può arrivare a Berlino in 24 ore, dando la possibilità a Gioia Tauro di intercettare la merce che oggi va a Rotterdam e Amburgo. Gioia Tauro potrebbe di colpo passare da  3 milioni di container a 10-12 milioni di container, con notevoli incrementi occupazionali. Perché allora non si procede? Perché bisognerebbe migliorare alcune gallerie. Facciamole nuove queste gallerie! Per questo nemmeno un euro nell’allegato infrastrutture aggiornato a ottobre 2015. Sono 10 anni che insistiamo su questa richiesta senza risposta. Evidentemente non si vuole fare. E Nencini non può far niente come non ho potuto fare niente io stesso. Qualche ostacolo insormontabile si frappone. Certo al Sud vi è disponibilità per i prossimi anni di circa 14 miliardi di euro mentre al resto d’Italia vanno 37, che è molto più di due terzi ma questo non ha grande importanza, nell’immediato basterebbe molto meno.
Il viceministro Nencini può veramente dare una mano essendo egli per cultura e scelte ideologiche molto vicino alle problematiche del Mezzogiorno di Italia.

Aurelio Misiti
già Viceministro alle Infrastrutture e Trasporti
Commenti disabilitati su Il Viceministro Nencini e il Sud

Set 09 2015

Comunicato stampa della Fondazione San Tommaso Moro sul Centro Espositivo Fieristico di Catanzaro

Pubblicato da Categorie Comunicati Stampa

conferenza-stampa-ente-fiera-cz

La Fondazione San Tommaso Moro esprime il suo più vivo compiacimento per la prossima realizzazione del Centro Espositivo Fieristico nella vallata del Corace, all’interno dell’Area Magna Grecia, visto che la delocalizzazione in “Parco Romani” operata dalla amministrazione a guida dell’on. Rosario OLIVO, aveva fortemente compromesso la concessione del finanziamento di 5.000.000 di euro già stanziato per l’opera;
Riteniamo, infatti, che la realizzazione di questa imponente e strategica struttura nella Città, unica di tale rilievo ed ampiezza in tutta la regione, possa essere una straordinaria occasione di sviluppo, e soprattutto sia in grado di dare importanti risposte occupazionali.
Questa Fondazione, dunque, si associa alla soddisfazione del Sindaco Sergio ABRAMO e di tutta la Città, permettendosi però di evidenziare – per amore di verità e chiarezza – il decisivo ruolo avuto nel raggiungimento di questo obiettivo dall’ex assessore Fulvio SCARPINO che , ebbe il coraggio di denunciare come la delocalizzazione dell’Ente Fiera all’interno Parco Romani, avrebbe di fatto comportato la perdita del finanziamento, il tracollo finanziario della “Catanzaro Servizi” con il rischio palese di licenziamenti di massa ed al contempo mandato in frantumi i sogni di tanti piccoli imprenditori che avevano investito i loro risparmi nel ” Parco Romani. Tutti eventi che poi si sono verificati puntualmente, generando fra l’atro una infinità di contenziosi le cui soluzioni appaiono purtroppo lontane.
Ma il merito di un tale impegno per la Città oltre all’ex assessore Scarpino va soprattutto riconosciuto all’On. Aurelio MISITI, che unico politico Calabrese (anche se non di Catanzaro) nel totale silenzio della classe politica nazionale è prontamente intervenuto e grazie alle sue competenze ed alla sua altissima professionalità ha fattivamente operato per scongiurare il rischio che Catanzaro subisse l’ennesima depauperazione, come da copione.
Purtroppo, molto spesso, noi calabresi abbiamo la memoria corta e dimentichiamo coloro i quali si sono spesi nell’interesse della collettività; ma al contempo siamo ossequiosi e riconoscenti con quei politici che nulla danno ed anzi tolgono, con chi ha sempre fatto di questa nostra meravigliosa terra il proprio “bottino di guerra”.

Fondazione San Tommaso Moro – 9/9/2015
Il Presidente
Avv. Francesco Saverio Macrina

Commenti disabilitati su Comunicato stampa della Fondazione San Tommaso Moro sul Centro Espositivo Fieristico di Catanzaro

Ago 11 2015

MINNITI PARLA IL POLITICHESE

Pubblicato da Categorie Editoriali

Marco Minniti intervistato da Pollichieni e Mollo

Marco Minniti intervistato da Pollichieni e Mollo

L’intervista di oggi rilasciata ai giornalisti Pollichieni e Mollo dall’on. Marco Minniti mostra, se ancora ci fosse bisogno, che la classe politica calabrese rimane sempre allo stesso livello. I temi trattati sono stati solo “politici” e si riassumono in una sola frase: “Oliverio ha determinazione e forza, come dimostra la brillante operazione al Senato per la soluzione assistenziale degli LPU-LSU, ma da solo non ce la fa a governare la Regione e quindi va sostenuto da tutti noi”. A meno di dimenticanza dei due attenti giornalisti, nessun problema vero dei calabresi e’ stato toccato.
Mi sarei aspettato un segnale di novità da un alto esponente del partito di Renzi, come ad esempio si possa superare l’assistenzialismo e avviare un periodo di sviluppo autonomo che porti il Sud a competere con il Nord in termini di PIL oppure quale ruolo il Governo vuole esercitare per stimolare la crescita. Nulla di nulla. Del Rio ci prende in giro con la pseudo alta velocità al Sud, che consiste nel velocizzare l’attuale sgangherato sistema ferroviario e su questo niente. I fondi strutturali
saranno investiti in piccola parte, come sempre, in mille rivoli e il resto sarà utilizzato da altri. Dopo i 40 miliardi di FAS (2008-2013) spostati al Nord per la cassa integrazione ci verranno tolti anche gran parte degli strutturali. Ormai però tutti gli studiosi più attenti affermano che oggi non ci vuole più assistenza ma più stimoli e basta. Poi il Sud deve fare da solo. Restituire in dieci anni il “malloppo” e costruire il TAV da Salerno a Trapani, non lasciando metà paese in stato di perenne inferiorità come dichiara candidamente il Ministro delle infrastrutture, è imperativo categorico. La Calabria deve cogliere questa sfida: rifiutare ogni assistenza e puntare insieme a tutto il Sud a una crescita doppia del Nord, attirando investimenti anche cambiando i contratti di lavoro. Una cosa può fare Minniti: chiedere a Renzi di consentire di utilizzare fondi strutturali per triplicare almeno i mezzi e gli uomini della Magistratura e delle forze dell’ordine per “distruggere” la criminalità organizzata. Queste sono le basi della crescita del Sud, non l’assistenza solita. Se Minniti non ha avuto il tempo di completare il suo dire, si faccia intervistare ancora e si pronunci sui contenuti e non solo sulla cosidetta “politica”, senza un minimo di rapporto con i veri problemi della gente del Sud.
AURELIO MISITI

Commenti disabilitati su MINNITI PARLA IL POLITICHESE

Lug 27 2015

LA CALABRIA PRODUCA ALMENO QUANTO CONSUMA

Pubblicato da Categorie Editoriali

La Giunta regionale Calabrese

La Giunta regionale della Calabria

Il Presidente Oliverio, dopo lo schiaffo della Magistratura, ha nominato una Giunta esterna al Consiglio Regionale, con personalità di alto livello culturale, con cui deve concordare la “filosofia di governo” che metterà in atto. Va sfruttata l’occasione per trasformare in positivo un momento drammatico e negativo. Il Presidente deve stimolare tutti a realizzare una politica dello sviluppo per non dipendere più dall’assistenza dello Stato, che ancora caratterizza la vita calabrese. Egli deve attuare una politica opposta a quella portata avanti fin’ora dalla classe dirigente calabrese, che si schiera spesso con chi non vuole la crescita economica. Va favorita ogni iniziativa che porti elementi nuovi per lo sviluppo come la ricerca degli idrocarburi, la costruzione di strutture impiantistiche per la produzione di energia dai rifiuti, le infrastrutture di trasporto multimodali ecc. Vanno attirati gli investitori internazionali, stimolando i sindacati a superare vecchi tabù sul contratto nazionale di lavoro, che deve prevedere l’uguaglianza dei diritti di tutti, mentre le parti economiche del contratto vanno trattate dai sindacati regionali. In definitiva il territorio calabrese per attrarre investimenti deve fare ogni sforzo per diventare competitivo rispetto alla maggior parte dei territori europei.

Aurelio Misiti

Commenti disabilitati su LA CALABRIA PRODUCA ALMENO QUANTO CONSUMA

Lug 26 2015

“IL GRANDE TESORO” dell’Italia

Pubblicato da Categorie Editoriali

Pompei

Pompei

Colosseo

Colosseo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La polemica non nuova sullo sciopero degli addetti al sito archeologico di Pompei, può costituire l’occasione per ricordare agli italiani che i nostri BENI CULTURALI sono la vera grande ricchezza dell’Italia.
Come tale essa va difesa e tutelata sia come la riserva aurea di uno Stato moderno e sia come materia prima nell’industria del turismo.
Nella mia ormai non breve vita ho potuto visitare tutti i Continenti e ho potuto osservare come quasi tutti gli Stati sono impegnati a valorizzare l’altra metà dei Beni culturali esistente nel mondo. Addirittura si valorizzano castelli o personaggi che nulla hanno a che vedere con l’arte.
Ebbene, e’ arrivato il momento di utilizzare al meglio questo immenso patrimonio, che va tutelato e gestito per il bene degli italiani e di tutte le genti.
Pompei va gestita non solo come un servizio essenziale ma come un asset-tipo ”RISERVA AUREA” dell’Italia e in quanto tale gli addetti devono essere super istruiti e consapevoli di gestire e tutelare un bene eccezionale del paese. Perciò le risorse ricavate vanno impiegate in gran parte per rinnovare il personale, puntando all’acculturamento dei migliori attuali e all’assunzione di specialisti super preparati. Il restauro di alto livello tecnico scientifico e la gestione super specializzata, escludendo per questo e gli altri beni qualunque conflittualità sindacale, possono consentire di triplicare almeno le entrate dello Stato.
Il Colosseo, primo monumento italiano, dopo il restauro, gestito allo stesso modo di Pompei, insieme a tutti gli altri immensi Beni culturali romani, va collocato in una città riportata al livello svizzero o a quello della città del Vaticano. Le entrate dello Stato e quindi di Roma triplicherebbero.
Il ragionamento si può ripetere per quasi tutti i centri abitati italiani, in particolare per le città del Sud, dove le civiltà greca e romana hanno lasciato in eredità il “TESORO” più grande.
La domanda d’obbligo è: gli italiani lo sanno? La classe dirigente che fa?
Aurelio Misiti

Commenti disabilitati su “IL GRANDE TESORO” dell’Italia

Mag 20 2015

La fine del novennato di Pietro Ciucci

Pubblicato da Categorie Editoriali

Cantiere della SA-RC

Cantiere della SA-RC

La fine del novennato di Pietro Ciucci al vertice dell’ANAS fa tirare un sospiro di sollievo ai suoi critici e un senso di frustrazione ai suoi sostenitori esterni e interni all’azienda. Quindi un giudizio con luci e ombre sulla conduzione della mega organizzazione per le strade voluta dal Governo e dal Parlamento del Paese.
Sarebbe molto opportuno non soffermarsi più di tanto sulle vicende passate perché il futuro del sistema stradale e autostradale del Paese richiede un impegno unitario del sistema Italia per mettere al passo con i tempi il territorio nazionale.

Dopo la cessione della società autostradale dell’IRI al gruppo guidato da Benetton ci sembra improcrastinabile la formazione di una società pubblica di gestione di strade e di autostrade; è questa non può che fondarsi su ANAS S.P.A., società dello Stato a cui sono rimaste giustamente le funzioni di concessionaria.
Come è noto infatti la legge del 6 luglio 2001 n.98 all’articolo 36 ha riformato la vecchia struttura dell’ANAS, trasferendo la funzione di concedente, fino allora esercitata da ANAS, alla Direzione Generale relativa del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, non avendo attuato la parte dello stesso articolo che istituiva l’Agenzia per le infrastrutture stradali e autostradali.
Sarebbe quanto mai opportuno istituire tale Agenzia per facilitare l’azione esercitata dallo Stato in materia di indirizzo e di controllo delle attività concesse.
E per dirla tutta ciò favorirebbe una politica infrastrutturale nel Sud rivolta a ridurre i gap con il resto del Paese.

Autostrada A29 Palermo-Castelvetrano

Autostrada A29 Palermo-Castelvetrano

In questo senso la nuova dirigenza ANAS dovrà attivarsi per gestire, insieme a partner privati, le autostrade meridionali, che sono state finanziate a fondo perduto dallo Stato.
E nessuno venga a dire che la Salerno Reggio Calabria e la Catania Palermo Castelvetrano debbano continuare a rimanere tali, in quanto per omologarsi al resto del sistema autostradale italiano occorre il coraggio della classe dirigente del 2015 per trasformare il finanziamento a fondo perduto in investimento produttivo.

A3 SA-RC

A3 SA-RC

Pro Calabria, con i suoi legami a tutto campo con il mondo della tecnica e dell’economia nazionali è disponibile a collaborare, senza fini di lucro, affinchè una tale proposta si possa realizzare nel più breve tempo possibile.
Sono note le difficoltà della finanza pubblica e i limiti imposti dall’Unione Europea e pertanto si propone l’adozione della finanza di progetto impegnando lo Stato soltanto attraverso concessioni in uso delle due autostrade citare, senza alcun nuovo esborso della finanza pubblica.
Le proposte relative dettagliate sono a conoscenza dell’Istituto Grandi Infrastrutture presieduto dall’ex Ministro Zamberletti e di alcune delle più grandi società italiane di costruzione.

On. Prof. Aurelio Misiti
Presidente di “ProCalabria”

Commenti disabilitati su La fine del novennato di Pietro Ciucci

Mar 11 2015

MISITI: CROLLO DELLA CAMPATA DEL VIADOTTO ITALIA

Pubblicato da Categorie Comunicati Stampa

Viadotto Italia

SA- RC – Viadotto Italia

A3 - Viadotto Italia

Viadotto “Italia”

Il tragico episodio verificatosi il 3 marzo scorso sul viadotto Italia dell’autostrada A3, che purtroppo ha provocato la morte dell’operaio Adrian Miholca, dovrebbe costituire un campanello d’allarme per tutte le autorità competenti e in primo luogo per l’azienda che gestisce le strade in Italia.
Ovviamente attendiamo l’esito del lavoro delle commissioni tecniche di indagine, ma fin d’ora possiamo ripetere alcune considerazioni sulla gestione delle opere pubbliche e in particolari su quella dei ponti e dei viadotti delle strade e delle ferrovie.
Negli ultimi due decenni sono state effettuate diverse ricerche in merito alla “vita economica” di queste opere che in gergo tecnico vengono chiamate “opere d’arte”.
Esse non sono sottoposte soltanto al peso proprio e a quello dei mezzi che si trovano al disopra, che riguarda la statica, ma il transito dei veicoli in modo continuativo sottopongono il manufatto ad azioni dinamiche ripetute, che comportano la necessità di una resistenza aggiuntiva della struttura detta “a fatica”.
Ciò ha indotto alcuni studiosi della Scienza delle Costruzioni a proporre per tali opere la manutenzione straordinaria e programmata dopo i primi quarant’ anni di esercizio continuativo.
In altri termini, al fine di evitare disastri con perdite di vite umane, in questi casi non si può procedere con la manutenzione “a guasto”.
Fa bene l’ANAS a difendere la peculiarità della Salerno Reggio Calabria, che non si identifica certo con gli sprechi e le mazzette, ma non si può negare che l’Azienda e il Ministero dei Lavori Pubblici non hanno chiesto modifiche quando è stata varata la norma “del contraente generale”, che, come in questo caso la ITALSARC S.c.p.A., assorbe quasi tutte le funzioni della stessa ANAS.
Il viadotto Italia, completato nel 1969, come tanti altri della stessa autostrada, necessitava di manutenzione straordinaria da almeno un quinquennio, tanto è vero che l’ANAS aveva provveduto a progettare gli interventi da oltre dieci anni, ma le assurdità e le lungaggini consentite dalle nostre leggi hanno impedito di realizzarli nei tempi stabiliti dai tecnici.

Commenti disabilitati su MISITI: CROLLO DELLA CAMPATA DEL VIADOTTO ITALIA

Successivo »