Apr 06 2009

Terremoto: Misiti (Idv), urgente politica prevenzione su infrastrutture

Pubblicato da at 15:19 Categorie Comunicati Stampa

Roma, 6 apr. (Adnkronos)- ”Il terribile terremoto che ha colpito l’Abruzzo dimostra ancora una volta l’urgenza e la necessita’ di intervenire sulle strutture e le infrastrutture non solo dopo le tragedie ma con una politica di prevenzione”. Lo dichiara il parlamentare di Italia dei Valori, Aurelio Misiti, gia’ presidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici. ”Il terremoto e’ un fenomeno naturale e senza le costruzioni dell’uomo non provocherebbe grandi danni. Ma poiche’ l’uomo ha costruito molto, oltre a progettare e realizzare per il futuro strutture con elevate caratteristiche antisismiche, e’ necessario – sottolinea Misiti– avviare una strategia di adeguamento sismico e consolidamento soprattutto delle costruzioni che sono destinate ad accogliere quotidianamente migliaia di persone¬† in quanto edifici ad uso pubblico: scuole, uffici, ospedali”.
”Poiche’ la scienza e la tecnologia oggi consente di poter intervenire per migliorare la stabilita’ e la sicurezza di tantissime vecchie costruzioni, e’ necessario finanziare- afferma Misiti– un vasto programma di interventi sulle principali strutture che quotidianamente nelle nostre citta’ ospitano migliaia di persone”.
”Eventi calamitosi come quello di oggi in Abruzzo causerebbero minori danni- prosegue Misiti– con un enorme risparmio per lo Stato intermini economici ma soprattutto di salvaguardia della incolumita’ deicittadini. Si tratterebbe di prevedere un capitolo nel bilancio dello stato e delle regioni con almeno il 30 per cento di quanto, statisticamente, sappiamo che ogni trent’anni siamo poi chiamati a spendere per affrontare tutti gli interventi di riparazione e
ricostruzione necessari dopo gli eventi calamitosi piu’ gravi. Per non parlare del valore, inestimabile e incalcolabile, di ogni vita umana risparmiata”.

Commenti disabilitati su Terremoto: Misiti (Idv), urgente politica prevenzione su infrastrutture

I commenti alla pagina non sono permessi.